Pineta e Geosito delle Ripe Rosse

Le foreste di leccio tipiche del Mediterraneo hanno nel tempo ceduto il passo alle pinete, più adattabili al clima arido e secco. In questo paesaggio, la pineta di pini d’Aleppo (in dialetto i zappini) delle Ripe Rosse, che costeggia la statale offrendo splendidi punti panoramici oltre a una comoda area di sosta, nasce direttamente sul mare dalla caratteristica costa rocciosa a strati (flysch) che raggiunge un punto a strapiombo con un’altezza di circa 80 m, detto “Scuoglio”. Questa costa dal 2013 è inserita nella rete europea dei geositi, per le sue peculiarità geologiche: la rupe costiera (cliff) caratterizzata da vistose pliche che è possibile osservare in tutta la sua bellezza dal mare o anche dalla spiaggia di Baia Arena e la frana sottomarina (slumping), visibile sulla parete rocciosa nell’area di sosta accessibile dalla statale.

Rete ecologica Natura 2000 - La costa compresa tra Punta Tresino e le Ripe Rosse è Zona a protezione Speciale (ZPS, Codice identificativo IT8050048). 100% terrestre.

Rete europea Geopark – rupi e frana di Ripe Rosse (geosito n 27)