Cilento, istruzioni per l'uso

Avvertenza: il primo impatto con questi luoghi potrebbe risultare alquanto spiazzante, considerata la scarsa presenza di elementi riconducibili alla vita “di città”. Può provocare assuefazione: una non rara conseguenza dell'esposizione prolungata a questi paesaggi è il mettere radicalmente in discussione elementi fino a pochi giorni prima ritenuti "indispensabili" per la propria vita e la normale giornata. Effetti collaterali: conviene scoprirli di persona (si veda il caso di Ancel Keys...). Scegliere il Cilento può voler dire concedersi una vacanza in cui sono ancora possibili sorprese per chi cerca l’autenticità. Importante: lasciare fuori dal bagaglio beghe e frastuono cittadino. Per chi non fosse molto avvezzo a emozionarsi, attenzione: qui silenzio, storia e natura possono provocare ipersensibilità.

“I bar sono la più preziosa fonte di informazione sulla vita di un paese, anche se bisogna stare attenti a non farsi sviare. Ci sono alcune scene fisse, tipo il giornale sul banco dei gelati, ci sono quelli che d’estate stazionano seduti o in piedi, ci sono quelli che giocano a carte e quelli che guardano. E’ una specie di banca dei luoghi comuni…”
(Franco Arminio – Terracarne 2011)